In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]

Sito web, conviene fare da soli?

È il dilemma di molti, è il dilemma di chi non se la passa bene, vede molte pubblicità, in cui tutto è facile e costa poco e ci pensa; perché, giustamente, spendere se posso fare da un solo un sito e tutti dicono che è così facile? La questione, però è diversa, perché se parliamo di sito web personale, fatto per "gioco" è una cosa, ma se parliamo di sito web aziendale, conviene veramente fare da soli?

Partiamo da un presupposto semplice, chiariamo gli obiettivi

Come tutto quello che si compera, dobbiamo individuare cosa vogliamo, a cosa ci serve e cosa ci aspettiamo. Il web può essere un fedele alleato, solo che siamo noi a decidere quanto ci serve e come. Se parliamo di sito web aziendale, il contesto da analizzare è ampio, ci sono in ballo soldi, reputazione, clienti, e scherzare con il sito, non sempre è un vero affare. Se nel nostro settore siamo competitivi, siamo professionali, spieghiamo l'importanza di essere professionali, perché poi pensiamo di fare da soli un sito?
E questo se lo chiede chiunque;

  • quando vediamo un legale che da solo fa un sito e non lo cura, come pensiamo che possa curare i nostri interessi?
  • quando vediamo un medico che fa un sito da solo, come pensiamo che ci possa dare il meglio se per lui fa da solo, senza saper valutare le conseguenze?
  • quando un qualsiasi negozio o commerciante parla di qualità e fa un sito da solo, come possiamo credere nella sua professionalità?

Perché un vero esperto sorride all'idea di fare da soli, consapevole dei rischi reputazionali e della difficoltà di fare un sito?

Sappiamo cosa serve per fare un sito che funzioni?

Aspetti grafici, tecnici, concettuali, testi, strategie, newsletter, messaggi, profili social, mission aziendale devono essere coordinati e fatti per dare un unico messaggio, solido e coerente: l'azienda cura il dettaglio, l'azienda è scrupolosa, per se stessa in primis, per quel che offre di conseguenza. Fare un sito da soli, non è tanto legato ad aspetti tecnici, che, per quanto importanti, possono trovare soluzioni, ma proprio di immagine. Che impressione si fa chi vede il sito?

Non diamo per scontato, poi, un aspetto tecnico che per certi aspetti indica da subito il tipo di lavoro che stiamo facendo perché quando vediamo siti lenti ad aprire le pagine, font ricercati senza un senso concreto, immagini "pesanti" nelle dimensioni o nel caricamento ci accorgiamo subito che c'è inesperienza alla base del lavoro.

Quando ai clienti facciamo fare un confronto con i grossi siti, con chi con il web lavora veramente, si accorgono subito che quelli sono siti professionali e si rendono conto che sono diversi. Quello che serve capire che un sito che facciamo da soli, costa comunque tempo ma rischia di farci perdere delle reali opportunità.

Perché chi incentiva il fai da te, con piattaforme economiche non approfondisce il concetto di visibilità, di traffico, di reputazione? Perché altrimenti il fai da te non esisterebbe, perché non esistono in medicina corsi fai da te per operare o per curarsi? Sì esiste un primo soccorso ma "chiama subito il medico o l'ambulanza", cosa fattibile anche con il web proprio con consulenze specifiche o infarinature aziendali, proprio perché con la salute sarebbe opportuno scherzare poco; perché si pensa, invece, che un sito web si possa fare da soli?

Fai fa te nel web, conviene veramente?

Il punto da capire è questo: vogliamo avere nuovi clienti? vogliamo arrivare a nuove persone? vogliamo vendere di più? Dobbiamo entrare in argomenti "caldi" come il mondo SEO, il mondo della visibilità, il mondo del web marketing. Il nostro sito per essere performante, deve essere trovato, visto e visitato da molte persone (obiettivo minimo deve essere 200/250 accessi al giorno, variabili in base al settore ovviamente).

  • Vendiamo ceramiche nella zona di Ravenna? Cercando ceramiche a Ravenna, dovrebbe comparire il nostro sito;
  • proponiamo arredamenti a Siracusa? Cercando arredamenti a Siracusa, il cliente dovrebbe trovare il nostro sito, leggere chi siamo, capire con una certa facilità quanto siamo professionali e quanto siamo preparati e competitivi nel lavoro e nei servizi che proponiamo;
  • proponiamo software nella zona di Verona? Cercando software a Verona, dobbiamo trovare il nostro sito (in questo esempio troviamo ifirst, partner tecnico amdweb proprietario de lericettedellanonna.com);
  • cerchiamo esperti in web marketing strategico? cercando web marketing strategico dobbiamo trovare il nostro sito che parla di web marketing strategico (in questo caso troviamo proprio amdweb);

Dobbiamo capire l'importanza della presenza nel web, ma non come avere il sito, come presenza associata a specifiche ricerche che un cliente compie con google per trovare soluzioni, idee, prodotti o servizi.

Non si tratta di fare il prezzo, non si tratta di far spendere poco, ma di dare una serie di servizi paralleli che mettano in evidenza la nostra professionalità ed il nostro far spendere bene. Tutto questo vale per ogni settore.

Conviene veramente fare da soli un sito? Siamo capaci di far emergere tutti queste eccellenze? Perché, se veramente fosse così facile, tutti lo farebbero da soli, e tutti troverebbero beneficio dal web cosa che non trova riscontro con la realtà.

Primo step: arrivare al cliente finale, si può da soli?

Le nostre esperienze in 10 anni di lavoro parlano di no, non si può fare da soli ed avere risultati. Non ci contatti per smentire chi è del settore grafico e si fa un sito, chi vive di comunicazione e si fa un sito, parliamo alle PMI, enti, professionisti che provano e nelle nostre esperienze nel 99% dei casi è un flop. Conviene se non ci interessa, conviene fare da soli un sito se vogliamo poche pagine per mettere dove siamo e dei numeri di teleono perché arriviamo al cliente finale con altre strade, ma se l'idea è associare al web il nostro business, le nostre esperienze non trovano riscontro.
Le prime richieste di aiuto sono proprio legate al sito che non arriva ai clienti, non ha accessi, non genera traffico e alle prime valutazioni, è evidente l'errore di inesperienza e del fai da te. Un sito non deve funzionare perché i collegamenti interni sono corretti, un sito non è solo grafica o solo offerte, è tutto l'insieme. Può scappare l'errore ortografico, a tutti, ma troppi sono un po' un problema, può scappare l'errore tecnico, ma nel tempo si deve rilevare e correggere cosa che se si fa da soli, spesso non è possibile.

Un consiglio spassionato?

Prima di fare da soli, chiedere e cercare di capire, non costa niente ma ci permette di avere più chiara la visione del web e delle sue possibilità!

Inserito il:06/11/2014 12:04:52
Ultimo Aggiornamento:08/01/2015 09:50:16

social

Partner

Questo sito è stato fatto con

yost.technology

yost.technology

yost.technology