In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]

Zeppole di San Giuseppe fritte

Le zeppole di San Giuseppe fritte sono un dolce per la festa del papà ormai conosciuto ed apprezzato in tutto il mondo, ma tradizionale della pasticceria napoletana, che ne conosce almeno due varianti: le zeppole di San Giuseppe fritte, che sono quelle tradizionali e la più moderna e forse salutare veriante delle zeppole di San Giuseppe al forno, entrambe farcite con crema pasticcera e  amarena.

L'origine delle zeppole di San Giuseppe fritte come dolce per la festa del papà

L'origine delle zeppole di San Giuseppe fritte è fatta risalire alla fuga di San Giuseppe in Egitto con maria e Gesù per scampare alla strage che il re Erode compì per eliminare quel re-bambio nato ed annunciatogli dai Magi. Secondo la leggenda San Giuseppe per poter assicurare cibo alla famiglia si inventò il mestiere di frittellaro, vendendo in Egitto quelle che sarebbero poi state conosciute, in suo onore, con il nome di Zeppole di San Giuseppe. Ed è proprio perché la loro invenzione è attribuita al padre di Gesù che le zeppole di San Giuseppe sono considerate il dolce per eccellenza per la festa del papà.

Come preparare l'impasto per le zeppole di San Giuseppe fritte

Per preprare le zeppole di San Giuseppe fritte per prima cosa è bene cominciare dalla crema, che avrà così il tempo di raffreddarsi prima di farcire i bigné.

La crema per le zeppole di San Giuseppe fritte è la classica crema pasticcera, quindi potrete seguire la ricetta che conoscete o potete trovare la ricetta per la crema pasticcera qui.
Ricordate solo che la crema per le zeppole di San Giuseppe fritte deve essere abbastanza consistente, non troppo liquida.

Vediamo invece come preparare l'impasto delle zeppole di San Giuseppe fritte:

In un pentolino mettete i 70 gr di burro tagliato a pezzetti, aggiungete 250 ml di acqua, i 2 grammi di sale e, tenendo il fuoco basso e mescolando con un cucchiaio di legno, portate ad ebollizione.

Quando il burro si sarà completamente sciolto togliete il recipiente dal fuoco e inserite i 150 grammi di farina 00 setacciata.

Una volta incorporata tutta la farina, rimettete il tutto sul fuoco e cominciate a mecolare prima con una frusta in modo da amalgamare bene il composto, poi con un cucchiaio di legno; continuate questa operazione fino ad ottenere una pasta compatta.

Mescolate ancora per circa 10 minuti, almeno fino a quando sul fondo della pentola non comparirà una patina biancastra, a questo punto togliete dal fuoco e aggiungete i 40 grammi di zucchero, mescolate ancora fino a quando lo zucchero non sarà perfettamente incorporato all'impasto.

Versate in una terrina e lasciate riposare fino a quando non sarà tiepido.

Appena l'impasto sarà intiepidito aggiungete le tre uova, una alla vota, facendo attenzione ad aggiungerne un'altra solo quando la precedente sia stata completamente assorbita nell'impasto; aggiungete della scorza di limone grattuggiata, che darà profumo alle vostre zeppole di San Giuseppe fritte.

Mescolate. In base alle vostre forze ed energie potrete utilizzare a questo punto per mescolare sia una planetaria che uno sbattitore a fruste o anche semplicemente un cucchiaio di legno, che vi richiederà più energia, ma vi farà ottenere ugualmente delle ottime e soffici zeppole di san Giuseppe fritte. Continuate a mescolare fino a che otterrete un composto omogeneo e liscio; per vedere se è pronto basta fare "la prova del nastro", ovvero se facendolo cadere nella terrina da un cucchiaio di legno l'impasto formerà una sorta di nastro, cioè cadrà fluido senza spezzarsi, allora è pronto per la fare successiva.

Zeppole di San Giuseppe fritte

Preparazione delle zeppole di San Giuseppe fritte

A questo punto della preparazione delle zeppole di san Giuseppe fritte vi serviranno:

una sac-à-poche con bocchetta stellata

7 quadrati di carta da forno  di circa 8cm di lato ciascuno (meglio farne qualcuno in più di riserva)

una pinza pinza da cucina da tenere a portata di mano per estrarre la carta dall'olio

una schiumarola che vi permetta di rigirare più volte le zeppole una volta immerse nell'olio

Un vassoio con abbondante carta ssorbente per mettervi ad asciugare le zeppole di san Giuseppe, una volta fritte.

Come modellare le zeppole di San Giuseppe

Per modellare le zeppole di San Giuseppe fritte utilizzerete la sac-à-poche con punta stellata e con essa formerete, con un movimento a spirale, su ciascun quadrato di carta da forno, un dischetto di pasta di circa 4/5 cm di diametro e sovrapponendo, sempre con un movimento a spirale ancora 1/2 giri di pasta. Il risultato deve essere già simile alla forma finale della zeppola, attenzione non deve essere una ciambella, il fondo deve essere chiuso, mentre la parte alta deve avere uno spazio per contenere la crema.

Con le quantità e le misure proposte in questa ricetta dovreste ottenere all'incirca 7 zeppole.

Come friggere le zeppole di San Giuseppe

Per friggere le zeppole di San Giuseppe, in un tegame da frittura mettete a scaldare l'olio, attenzione l'olio deve essere ben caldo, 160°/170°, ma non bollente, per questo se possedete una friggitrice è meglio utilizzare questa per cuocere le zeppole di san Giuseppe fritte, infatti una volta impostata la temperatura desiderata, la friggitrice la manterrà costante per tutto il tmpo di frittura.  Se friggete nel tegame ricordatevi di toglierlo dal fuoco tra una fritta e l'altra, altrimenti la temperatura dell'olio diventa troppo alta.

Ma procediamo alla frittura:

immergete nell'olio a temperatura non più di due zeppole alla volta, perché devono cuocere lentamente e soprattutto perché le zeppole vanno rigirate più volte su tutti i lati in modo che possano gonfiare uniformemente

prendete le zeppole di san Giuseppe che avete modellato  e immergetele nell'olio di frittura con anche la carta da forno su cui le avete adagiate

dopo qualche attimo nell'olio la carta si staccherà dal composto e potrete tirarla via con una pinza da cucina, che terrete a portata di mano

con la schiumarola o come meglio siete comodi rigirate più volte le zeppole e lasciate friggere fino a quando non risutino dorate

sgocciolatele con la schiumarola e adagiatele sul vassoio con la carta assorbente da cucina

Un segreto per un'ottima frittura delle zeppole di San Giuseppe, perché  non assorbano troppo olio è di passarle al forno a 200 °, finché non si staccano da sole dalla teglia e poi immergerle immediatamente in olio per la frittura, ma questo è un'optional, una frittura con un buon olio non farà male a nessuno, una volta ogni tanto! ;-)

Guarnizione delle zeppole di San Giuseppe fritte

Per la guarnizione delle zeppole di San Giuseppe fritte cominciate con una spolverata di zucchero a velo, anche se le ricette più antiche prevedono che siano cosparse di zucchero normale, poi con una sac-à-poche con bocchetta stellata di piccole dimensioni disponete nella parte incavata della zeppola la crema e guarnite con un'amarena sciroppata o in assenza di questa con un cucchiaino di marmellata all'amarena o alla ciliegia.

Le vostre zeppole di San Giuseppe dono pronte da servire e gustare!

Preparare questo dolce per la festa del papà e farete seza dubbio un regalo gradito!

Inserito il:26/02/2015 17:19:13
Ultimo Aggiornamento:02/05/2015 16:19:06

social

Partner

Questo sito è stato fatto con

yost.technology

yost.technology

yost.technology