In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]

I metodi di conservazione di frutta e verdura

Quando operiamo in ambito casalingo, la preparazione di frutta e verdura deve necessariamente essere completata con la conservazione del tutto e questo può essere fatto in diversi modi che non sono vincolati a strumentazioni particolari e complesse.

La conservazione di frutta e verdura cotta può essere fatta per

  • Conservazione al naturale
  • Conservazione sottaceto
  • Conservazione sottolio
  • Conservazione sotto sale
  • Conservazione in salamoia
  • Conservazione con l'essicazione
  • Conservazione con la lattofermentazione

Vediamo nel dettaglio questi passaggi

Metodo di conservazione di frutta e verdura al naturale

Il metodo di conservazione di frutta e verdura al naturale consiste in una procedura molto semplice e può essere per frutta e verdura cruda e cotta.

Come conservare frutta e verdura crude

Laviamo e puliamo la frutta o la verdura e le tagliamo nelle dimensioni che vogliamo ottenere, le mettiamo nei vasi e passiamo alla sterilizzazione, immergendo i contenitori che abbiamo chiuso ermeticamente nell'acqua, portiamo dunque ad ebollizione (per la frutta possiamo anche evitare la sterilizzazione, esponendo i vasetti alla luce diretta del sole).

Come conservare frutta e verdura cotta

la procedura per la conservazione consiste nel bollire gli ingredienti; se si tratta di verdure le bolliamo in acqua salata e qualche goccia di limone, poi le sistemiamo nei vasetti (certe verdure vanno anche ricoperte di acqua); chiudiamo ermeticamente il tutto e facciamo bollire da freddo. Per la frutta, come spiega la ricetta specifica, possiamo adagiare nei vasi e capovolgerli, una volta chiusi ermeticamente, su un tavolo e lasciati raffreddare. I tempi per la sterilizzazione variano in base alle dimensioni e all'attrezzatura che abbiamo. Ricordiamo sempre di partire dal freddo, altrimenti i vasi possono scoppiare, e se abbiamo pentole sottili possiamo adagiare nel fondo degli stracci per evitare il contatto diretto con la parte troppo calda della pentola.

Conservazione sottaceto

La conservazione sottaceto sfrutta le capacità dell'aceto di essere molto acido, per cui un ottimo conservante. Dobbiamo usare un aceto di qualità, meglio se di vino bianco o mele, evitiamo per un fattore visivo quello rosso, in quanto tende a colorare.

 

Inserito il:06/11/2014 12:04:52
Ultimo Aggiornamento:26/01/2017 10:51:21

social

Partner

Questo sito è stato fatto con

yost.technology

yost.technology

yost.technology