Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni dei cookie clicca su Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK, ho capito]

Piattaforma di un sito

 

Piattaforma di un sito: come e cosa scegliere?

Normale che ci si avvicini al web possa essere incuriosito dal concetto di Piattaforma di un sito, normale perché, con la scelta giusta, è possibile realizzare un lavoro per l'azienda che, nel tempo, si può trasformare in uno strumento di lavoro.

Bisogna, però, saper scegliere e saper analizzare in modo molto analitico punti di forza e punti deboli di ogni soluzione, perché cercando Piattaforma di un sito, si trova un po' di tutto e le consulenze sono sempre orientate a mettere in evidenza le scelte e gli interessi di chi le propone, senza capire cosa può servire al cliente e senza troppa lungimiranza.

Ci sono indicativamente tre opzioni da considerare quanto si parla di piattaforma di un sito:

Piattaforme gratuite
Piattaforme in licenza
Piattaforme su misura

Ogni scelta ha punti di forza e punti deboli, che ogni imprenditore deve saper individuare perché la scelta tecnica di un sito è una scelta che può avere ripercussioni nel medio lungo termine, sia strategiche che, purtroppo, economiche.

Piattaforma di un sito, come scegliere?

Faremo di certo una breve panoramica, partendo da un presupposto molto semplice e chiaro che identifica da subito il nostro punto di vista: una piattaforma per fare siti deve

  • essere uno strumento di lavoro
  • essere personalizzabile nel tempo (work in progress)
  • avere un referente tecnico (bisogna avere punti di riferimento se succede qualcosa di anomalo)
  • avere costi chiari nel tempo
  • avere costi chiati nel tempo
  • avere costi chiari nel tempo (non è un errore averlo scritto 3 volte è solo un modo per far capire che serve avere chiari i costi nel tempo!)

Ogni web agency difende il proprio operato, normale, ma un cliente che spende deve aver chiaro cosa compera e le condizioni nel medio lungo termine (vincoli, penali e costi) quindi serve molta attenzione quando si affrontano tematiche come assistenza tecnica, proprietà del sito, personalizzazioni. Un cms gratuito non è un sito di proprietà né, tanto meno, permette di avere una gestione autonoma perché è sempre la comunità che vince e decide se e quando si fanno aggiornamenti, senza entrare troppo nelle specifiche personalizzazioni, visto che sono in genere "un bagno di sangue".

Il mondo open source deve essere ben compreso prima di essere scelto, perché ha costi importanti nel medio lungo termine e non sempre è adatto al ruolo di sito aziendale.

Perché molte web agency non sviluppano?

Ecco una riflessione che dovrebbe porre qualche domanda in fase di scelta: perché molte web agency non sviluppano? visto che a dare consigli sono spesso "esperti" che non hanno dimestichezza tecnica e si affidano a soluzioni gratuite, blog o forum per avere consigli tecnici. Per sviluppare serve esperienza, serve competenza e questo non si improvvisa.

Ogni mestiere deve essere rispettato e la realizzazione di un sito, visto come strumento di lavoro per un'azienda, dovrebbe essere fatto con lungimiranza e professionalità (un sito è sempre l'immagine aziendale nel web!).

Le scelte open source per fare un sito

Le scelte tecniche open source hanno preso piede negli ultimi anni perché non hanno costi (apparenti), in quanto si scaricano gratuitamente dal web e hanno una comunità di persone che ci lavorano (gratuitamente?). Un qualsiasi "smanettone" con poche ore di studio impara a fare i settaggi di base e mettere on line un sito.

Una opinione? Per fortuna che con la medicina non ci si ingegna così, perché fare un sito non è così banale come si crede né, tanto meno, una realizzazione si dovrebbe limitare solo a mettere on line un sito (seo e pubblicità varie chi le fa?).

Servono servizi hosting professionali e serve costante assistenza, perché non si può prevedere nessun aggiornamento per tempo visto che è la comunità che sviluppa a decidere se e quando intervenire. Se succede qualcosa si spera nell'esperienza di qualcuno nei forum e man mano che crescono gli accessi, scendono le prestazioni perché nel loro insieme, sono piattaforme molto pesanti e molto lente.

Le scelte in licenza per fare un sito

Le scelte in licenza per fare un sito sono dei veri e propri servizi. Attenzione sempre ai vincoli o alle penali se ci sono, ma senza dubbio un servizio implica

  • assistenza tecnica
  • sviluppo in progress
  • affiancamento

Ingredienti importanti, soprattutto se il progetto è per un'azienda che decide di mettere la propria immagine on line.

Costi? dipende dal servizio, ma se sono chiari e senza vincoli, l'esempio nostro è proprio yost.technology, conviene valutare visto che c'è chi fa tutto il lavoro tecnico evitando sorprese.

La proposta con yost.technology, proposta che usiamo, permette di avere un punto di partenza per arrivare nel tempo ad avere un sito su misura in ogni aspetto; un vero e proprio servizio esclusivo!

Le scelte su misura per fare un sito

Quando si parla di lavoro su misura si parla di consapevolezza perché un sito personalizzato tecnicamente implica un investimento importante soprattutto se la gestione dei contenuti avviene con un cms. In genere le aziende che scelgono lavori personalizzati creano progetti ad hoc e staff specifico.

 

 

Inserito il:05/08/2017 10:35:50
Ultimo Aggiornamento:10/08/2017 12:26:17

social

Partner

Questo sito è stato fatto con

yost.technology

yost.technology

yost.technology