In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]

Cosa sapere di un sito e-commerce?

Prima di spendere, prima di iniziare, prima di fidarsi (meglio mai fidarsi) conviene spendere un po' di tempo per capire come funziona la vendita on line, perché aver chiaro Cosa sapere di un sito e-commerce permette di spendere bene e di programmare ogni uscita con tempo e con tranquillità.

Ci sono diversi approcci, quando si decide di investire in un sito e-commerce quindi, in base all'investimento, si possono fare determinati calcoli di resa ma, aspetto fondamentale, capire prima di spendere è il primo step obbligato per un'azienda che decidere di realizzare un sito per la vendita on line.

Cosa sapere di un sito e-commerce?

1) Non è facile vendere on line

2) Non è vero che realizzare un sito e-commerce è economico

3) Un sito non è solo quello che si vede, quindi attenzione agli aspetti tecnici

4) Chi compera on line, è sempre una persona fisica, quindi merita rispetto (descrizioni, trasparenza nella transazione, chiarezza sui costi)

Cosa sapere di un sito e-commerce? Vediamo da dove partire...

Consigliamo di analizzare il prossimo schema con molta attenzione perché è un concentrato di ingredienti necessari per vendere on line e per realizzare un sito. Si parla di aspettti tecnico strategici e, in parallelo di costi, perché ci sono troppe situazioni fuorvianti on line che vorrebbero far credere che un sito che vende, si possa costruire con qualche migliaio di euro (addirittura si trovano offerte o soluzioni a poche centinaia).

Chiarezza ma soprattutto consapevolezza perché alla fine è sempre chi spende il vero responsabile quindi ecco alcuni passaggi che devono far riflettere e devono dare dei punti di riferimento per chi vuole vendere on line.

Aspetti tecnico strategici

aspetti tecnico realizzativi di un sito | lericettedellanonna.com
  • Progetto iniziale
  • Scelta tecnica
  • Realizzazione contenuti
  • Post messa in rete
Aspetti economici

aspetti economici di un sito | lericettedellanonna.com
  • Costi tecnici
  • Costi realizzativi
  • Costi pubblicitari

Lo schema serve per capire sostanzialmente una cosa: Cosa sapere di un sito e-commerce? Serve investire, servono soldi, non si può vendere on line senza spendere, come del resto non si apre un negozio senza soldi!

Purtroppo succede troppo spesso che per sito e-commerce o per vendita on line si analizzi solo lo strumento, il sito, ma non si tenga conto degli aspetti strategici che sono un ingrediente molto importante sia in termini economici sia in termini realizzativi.

Quando ci si chiede cosa sapere di un sito e-commerce, non ci si deve fermare a quella che noi chiamiamo la scelta tecnica, quella è una parte del prospetto ma si deve capire nell'insieme cosa serve per vendere on line.

Senza dubbio la scelta tecnica è importante, ed il nostro consiglio è di non banalizzarla con dei cms gratuiti, ma attenzione che descrizioni, immagini, comunicazione, socia, mail marketing, visibilità e ppc sono altrettanto importanti. La scleta tecnica deve essere analizzata nel medio lungo termine contabilizzando

  • assistenza tecnica
  • costi del dominio
  • costi per le personalizzazioni

Una scelta sbagliata costa nel tempo, quindi si scelga con parsimonia, accettando consigli da chi programma e non solo da chi personalizza pacchetti pre-confezionati portando come scusa i costi esagerati di una parte tecnica personalizzata. Si potrebbe discutere per ore si aspetti tecnici ma il consiglio che diamo è sempre quello di avere un prodotto più personalizzato possibile (noi si propone yost.technology proprio per le caratteristiche che propone: personalizzabile, assistenza tecnica sempre compresa, costi chiari nel medio lungo termine).

Quanto costa un sito e-commerce?

  • Un sito e-commerce parte da 10/12 mila euro poi il prezzo si alza in base a quanti prodotti si vendono. Progetto, grafica, servizi per i clienti sono tutti aspetti tecnici da analizzare prima di spendere
  • Le descrizioni o le strategie seo, visto che poi di testi si parla, partono da 1500/2000 euro al mese se si vuole arrivare a nuovi clienti (aspetto molto diverso se si vuole fidelizzare o non si hanno nuovi clienti come obiettivo). Una descrizione necessita almeno di 1 ora di lavoro, tenendo presente che ci saranno prodotti che possono essere lavorati in meno tempo, ma ci saranno prodotti che necessitano di diverse ore di lavoro.
  • Strategie social, ppc, mail marketing o programmi di fidelizzazione parlano anche loro di qualche migliaio di euro al mese... a salire in base al tipo di progetto che si sta realizzando.
Perché le grandi aziende spendono molto, se fosse possibile essere on line spendendo poco?

Post messa in rete di un sito e-commerce, perché non se ne parla?

Funnel marketing, roi, conversioni... grandi parole ma poco spazio alla realizzazione dei contenuti e al post messa in rete (lavoro in progress di contenuti e strategie). Vediamo meglio cosa significa perché ci sono ancora aziende che si spacciano per web agency che non parlano di testi o di contenuti come un ingrediente importante del sito. Ci sono e-commerce che vendono abbigliamento e non mettono 2 righe per spiegare cosa vendono ma spendono per analizzare le conversioni del sito o per capire che tipo di pubblicità fare.

Un cliente che entra in un negozio e non riceve un saluto o un'assistenza adeguata, pensiamo veramente che comperi lo stesso? Capita mai di non fare acquisti perché i commessi sono stati scortesi o poco attenti?

Lo stesso succede nel sito, quando si fanno arrivare clienti ma non si è pronti ad accoglierli. Un cliente deve poter chiudere ogni transazione senza fare domande, senza avere dubbi e questo succede solo se si investe nei contenuti del sito, se si spiega bene quando si spedisce, come si paga, politiche di reso o di cambio materiale.

Troppe volte si spinge solo per avere un feedback o per mandare ulteriori sconti al cliente, ma non si analizza la sua esperienza di acquisto nel sito e ci si propone con siti lenti, incompleti e senza un minimo di rispetto per chi spende.

Inserito il:15/10/2017 11:47:00
Ultimo Aggiornamento:16/10/2017 11:13:39

social

Partner

Questo sito è stato fatto con

yost.technology

yost.technology

yost.technology